Kenya Economia

26 Gennaio 2010
PDFStampaE-mail
Indice
Kenya Economia
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5
Tutte le pagine
Kenya Home Page
Economia
Politica
Approfondimenti
Notizie Utili

KenyaQUADRO MACROECONOMICO
Il Kenya, che fin dalla sua indipendenza ha adottato un sistema economico di tipo liberista, nonostante i problemi provocati dall’instabilità dell’ultimo anno, rimane il cuore della finanza e delle comunicazioni dell’Africa orientale.
Il PIL, mentre nel periodo compreso tra il 1997 e il 2002 è cresciuto mediamente solo dell’1,5% annuo, dopo il 2002, anche in seguito all’elezione di Kibaki che ha creato un positivo clima di fiducia, ha registrato una crescita del 2,8%, fino a raggiungere nel 2005 il 6,1% e il 7% nel 2007.
Dopo una brusca caduta nel 2008 in cui ha raggiunto il livello del 3,2%, le previsioni parlano di una ripresa con una crescita intorno al 6,5%.
Attualmente, l’economia si basa sulle esportazioni soprattutto di prodotti agricoli (banane, tè, caffè, ecc) e sul turismo.
L’agricoltura costituisce la base dell’economia del paese e occupa oltre l’80% della popolazione. Secondo il censimento del 2003, il settore agricolo aveva assunto il 75% della forza lavoro totale del Kenya.
L’agricoltura kenyana è molto sviluppata lungo la fascia costiera, dove grazie al clima ovvero  a piogge abbondanti durante tutto l’anno, si ha la crescita di una flora diversificata e rigogliosa.
Nello specifico in campo agricolo il cereale più coltivato è il MAIS che occupa il 62% dei territori agricoli mentre manioca e sorgo  vengono coltivati nelle terre meno fertili e utilizzati soprattutto dagli abitanti.
Inoltre, nel Paese vi è la presenza di compagnie multinazionali straniere che detengono diverse piantagioni  per la produzione di caffè, tè, banane, cocco e il sisal, prodotti che vengono poi esportati.
L’allevamento di bovini e di ovini è molto praticato soprattutto dai popoli seminomadi come i Masai.

OPPORTUNITA’ COMMERCIALI PER LE IMPRESE ITALIANE
Con la sua posizione strategica, la presenza di un sistema infrastrutturale migliore rispetto ai Paesi limitrofi e l’utilizzo della lingua inglese dalla maggior parte della popolazione, il Kenya è uno dei mercati più appetibili agli occhi degli investitori stranieri ed attualmente è il Paese leader dell’Est Africa dal punto di vista economico e commerciale.
Il Kenya offre molteplici opportunità su vari fronti: dal settore dell’allevamento all’agricoltura, dalle telecomunicazioni ai trasporti, dal turismo all’industria in generale.
Situato in una regione turbolenta dell’Africa flagellata nel tempo da conflitti interni ed internazionali, ha saputo conservare una certa stabilità, anche grazie all’opera di mediazione condotta rispetto alle crisi regionali.
Ha una posizione strategica, si giova di collegamenti aerei e marittimi di primo ordine nel contesto regionale e continentale e ha sviluppato nel tempo una articolata e sostanzialmente efficiente rete di servizi per le imprese, da quelli finanziari alle comunicazioni, da quelli doganali a quelli di assistenza da parte di istituzioni ed enti parastatali.
Molto resta ancora da fare. Eppure, chi volesse oggi entrare in questo mercato lo potrebbe fare con spirito assai meno pioneristico che in passato, con elevata probabilità di trovarvi le basi per un investimento di successo.
Il rischio d’impresa resta ancora significativo, ma l’esperienza di molti operatori economici che già sono qui presenti è senz’altro positiva.
Il Governo offre una serie di incentivi diretti agli investitori stranieri, tra i quali detrazioni totali sugli investimenti effettuati in impianti, macchinari, attrezzature e fabbricati. È anche possibile importare direttamente gli impianti, le attrezzature e le materie prime senza il pagamento dei dazi doganali.
Sono previste interessanti aliquote di ammortamento: dal 2,5% al 4% per i capannoni industriali e gli alberghi, il 12,5% sugli impianti e sui macchinari, dal 25% al 37,5% sui veicoli a motore e sui trattori e il 30% sui computer e sulle attrezzature d’ufficio.
In caso di perdite d’esercizio il sistema fiscale keniota permette di riportarle interamente agli esercizi successivi.



AngolaBeninBurundiCameroonGabonKenyaMalawimonzambicoNamibiaCentral-African-RepublicCongo-BrazzavillecongoRwandaSao-Tome-&-PrincipeSudanTanzaniaUgandaZambiaZimbabwe

Registrazione

Il successo del nostro portale ha reso necessaria la creazione di uno spazio risevato ai nostri utenti. Da oggi registrandosi riceverete gratuitamente:

Log in e Password per accedere all'area riservata in piena sicurezza;
News Letter, per ricevere nella casella di posta le notizie più importanti, gli appuntamenti con ItalAfrica, gli Eventi che caratterizzano la nostra attività;
Magazine, per scaricare il periodico di Italafrica;
Faq per domande per chiarimenti generali;
Info e Supporto, per parlare con gli operatori di ItalAfrica centrale.

Registrazione gratuita      e mail2 

Area Utente

Iscriviti alla NewsLetter

Iscriviti alla NewsLetter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dall'Africa
Inserisci la mail di iscrizione per cancellarti dalla Newsletter

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information